Biografia

Mark Petrasso (Newcastle – Australia, 24/04/1970) vive a Firenze dove lavora come insegnante di inglese. Appassionato di pittura ad olio, frequenta nel 2010 alcuni corsi di pittura presso la scuola di Jeanne-Isabelle Corniere a Firenze e organizza in seguito diverse mostre personali: Buildings, doors and houses, allestita presso il locale Cuculia  nel settembre 2012 e presso la stessa sede la mostra TemporaRitratti di Stagioni nel 2014, insieme alla fotografa Ylenia Petrini e al collage artist Raffaello Pacini. Dello stesso anno è la personale intitolata Doubles. Nel 2015 espone due opere presso la Galleria Mentana di Firenze, nell’ambito della mostra collettiva Mentana in Florence. Mostra Premio di Pittura, Fotografia e Scultura, aggiudicandosi il premio del pubblico; dello stesso anno è la mostra Istanti, tenutasi dal 24 luglio al 31 agosto presso la Torre Normanna di San Marco Argentano (CS). Nel dicembre del 2015 è tra i finalisti del XXXIII Premio Firenze nella sezione arti visive con il quadro Waiting; la stessa opera sarà in mostra nel gennaio del 2016 nel Caffè Storico Letterario Giubbe Rosse di Firenze. Dal 9 luglio al 3 agosto 2016 il Museo delle genti di montagna di Palazzuolo sul Senio ha ospitato la mostra Istanti replay, organizzata dall'Associazione culturale Palazzuolo per le arti, con il patrocinio del comune toscano. Sempre nel 2016 è tra i finalisti del XXXIV Premio Firenze - sezione arti visive, con il quadro Beware of the Red Vortex,   esposto presso la sede fiorentina della Regione Toscana, Palazzo Bastogi, in una mostra collettiva dal 15 al 22 febbraio 2017.

 La sua passione anche per il cinema l’ha portato a seguire il corso di montaggio presso la scuola del Cinema Immagina di Giuseppe Ferlito a Firenze nel 2005, anno in cui cura il montaggio del corto Niente da Vedere, selezionato nello stesso anno al concorso internazionale Videominuto di Prato. Nel 2009 firma il suo primo corto dal titolo Girotondo (Full Circle) come co-regista, nel 2012 realizza il corto Solo Parole e nel 2013 The Big Zoo,  entrambi selezionati nei rispettivi anni al concorso pratese Videominuto. Al 2013 risale anche il corto Gold, con la collaborazione di Fabio Bianchini (esperto di post-produzione ed animazione) e Matteo Masi che ha ideato le musiche originali. Gold è stato selezionato al Valdarno Fedic Cinema Festival del 2013 e al Foggia Film Festival del 2014. L’ultimo corto, intitolato Il Palo, per il quale si è avvalso degli stessi collaboratori,  è stato selezionato nel 2015 in vari festival: nuovamente al Festival toscano del  Valdarno;  alla competizione cinematografica pugliese del Salento Finibus Terrae; allo Shortini Film Festival di Augusta (SR); al Villammare Film Festival (SA), al Foggia Film Festival 2015, al Corto Corrente 2015, al MikroFAF 2015 (Belgrado), al Pistoia Film Festival 2016 e al Polla in Corto (SA), dove si è aggiudicato il premio per la miglior sceneggiatura. Il suo ultimo lavoro è il cortometraggio Tabula Rasa, realizzato nel 2017.

Come autore di short-stories partecipa al XXXII Premio Firenze 2014 aggiudicandosi il bronzo nella sezione letteraria di racconti inediti, con l’opera La famiglia Brown.


Biography

Mark Petrasso was born in Newcastle, Australia, in 1970. He grew up there with his family of Italian origins. At the age of 21 he moved to Italy. In 2010 he attended Jeanne-Isabelle Corniere's painting studio.  Soon after he held his first exhibition and has organised others in Florence; in 2012 Buildings, Doors and Houses and in 2014 Doubles. In 2014 he also collaborated with Ylenia Petrini, photographer, and Raffaello Pacini, collage artist, to set up a seasons inspired exhibition  called Tempora. In April 2015 he took part in a collective exhibition at the Art Gallery Mentana in Florence (winner of the audience award). That same year he held an exhibition entitled Istanti  in San Marco Argentano (CS) and in 2016 Istanti: replay in Palazzuolo sul Senio (Fi).

In Florence he attended the School of Cinema run by the nationally-renowned film director Giuseppe Ferlito. At the school he studied film editing. The course was held by Paolo Santangelo, budding director and winner of several national awards for short films. From that moment on he has made several videos and shorts as a director. Short films worthy of note are:

 

 - Tabula Rasa (2017)

 - Picasso (also known as il Palo - 2014) selected at Valdarno Cinema Fedic 2015 (Italy), Salento Finibus Terrae 2015 (Italy) ,

    Shortini Film Festival 2015 (Italy) , Polla in Corto 2015 (Italy- winner of the best screenplay award), Villammare Film Festival 2015 (Italy),

    Foggia Film Festival 2015 (Italy), Corto Corrente 2015 (Italy), al MikroFAF 2015 (Serbia), al Pistoia Film Festival 2016 (Italy);

 - Gold (2013) selected at the Valdarno Cinema Fedic 2013 (Italy) and Foggia Film Festival 2014;

 - The Big Zoo (2013) selected at Videominuto Film Festival in Prato (Italy);

 - Solo Parole (2012) selected at Videominuto Film Festival in Prato (Italy);

 - Girotondo (2009).

 

In 2014 he received a writing award (bronze medal), at Premio Firenze XXXII, for one of his short stories, The Brown Family.

He lives and works as an English teacher in Florence, Italy.